La cucina toscana raccontata dall’ Hotel Certaldo

Ribollita toscana

La Minestra di Pane è una zuppa di pane e verdure i cui aromi e sapori ci riportano alla mente le cucine dei vecchi casali nelle campagne toscane, dove le massaie lasciavano sobbollire per ore grandi pentole sulle stufe a legna per preparare cibi in gran quantità per le famiglie allora molto numerose.
Questa pietanza si preparava soprattutto il venerdì, giorno in cui non si potevano mangiare la carne e i suoi derivati, e nei giorni seguenti per mangiarla veniva riscaldata, dando così origine alla famosa Ribollita.

Oggi all’ Hotel Certaldo prepariamo la Minestra di Pane con la ricetta di allora, che diventerà poi  Ribollita, rimessa sul fuoco a ribollire con l’aggiunta di olio extra vergine di oliva toscano: nella ricottura la zuppa si asciuga dall’umidità rimasta, rendendo più intensi e gustosi i suoi sapori e i suoi profumi.

Ricetta della Minestra di Pane

Ingredienti: pane toscano raffermo, cavolo nero (possibilmente liberato dalle costole e ben lavato), cavolo verza, fagioli lessati, pomodori, una patata, timo selvatico  o “pepolino” , cipolla, odori (prezzemolo, sedano, carota), sale.

Fare un battuto con la cipolla e gli odori freschi in abbondanza, metterlo in una pentola capiente e aggiungendo una buona quantità di olio extra vergine fare un bel soffritto. Aggiungere il pepolino e, quando il tutto è rosolato, unire i pomodori. Passare i fagioli lessati (non tutti) nella pentola aggiungendoli direttamente al soffritto e fare ancora bollire. Aggiungere cavolo nero e cavolo verza in parti uguali, poi una patata a pezzi e fare cuocere bene nel brodo dei fagioli.

Insaporire con sale a sufficienza. A cottura completa delle verdure, aggiungere acqua fino a tre quarti di pentola e continuare a bollire lentamente, assaggiando di tanto in tanto per controllare la giusta dosatura di sale.
In un tegame di terra, adagiare sul fondo le fette di pane tagliato sottile, possibilmente scuro, farne due strati e ricoprirli con verdure e brodo. Fare altri due strati di pane e versare sopra ancora verdure e brodo.
Lasciare a parte un po’ di brodo che servirà nel caso il pane non risulti ben bagnato.  Aggiungere infine un pò di fagioli interi lessati che avevamo tenuto da parte e servire senza rimettere sul fuoco.

Il tocco in più dell’Hotel Certaldo: a noi piace in questo periodo aggiungere anche un po’ di zucca gialla alle verdure lessate, per rendere la minestra di pane ancor più saporita.

Ricetta della Ribollita Toscana

Per fare la cosiddetta Ribollita, il giorno seguente mettere a cuocere il tegame con la minestra di pane a fuoco bassissimo.
Aggiungere al centro, facendo un foro, dell’olio extra vergine di oliva a crudo e fare bollire lentamente, facendo attenzione che non si attacchi.

Il tocco in più dell’Hotel Certaldo:

a noi piace servirla ben calda con sopra la Cipolla di Certaldo tritata grossolanamente .

One thought on “La cucina toscana raccontata dall’ Hotel Certaldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *