Finite le feste non si butta via niente!

Come recuperare gli avanzi delle feste

Anche l’Epifania e la Befana sono già passate e come ogni anno in ogni famiglia torna il grande dilemma dopo i grandi festeggiamenti per le Festività di Natale: cosa ne facciamo degli avanzi dei pranzi e delle cene?

Invece di gettarli, ecco alcuni suggerimenti e consigli utili di ricette per recuperare gli avanzi rimasti in frigo:

Crocchettine di pesce

Crocchette di Pesce

Il pesce in Toscana è la pietanza che tipicamente si mangia per la vigilia e nei giorni in cui per tradizione religiosa non si potrebbe consumare carne.

Per utilizzare gli avanzi di pesce in una ricetta semplice e veloce, potete sbriciolare tutto insieme ciò che è rimasto e aggiungere poi 2 uova già sbattute, prezzemolo e aglio tritati, un po’ di succo di limone, 2 cucchiai di pangrattato. Mescolate tutto insieme fino ad ottenere un impasto compatto e morbido.

Fate poi delle polpette del diametro di circa 5-6 cm con le mani, ripassatele nella farina, poi nell’uovo battuto e infine nel pangrattato.
A questo punto potrete friggere le polpettine in olio caldo, oppure,  visto che dopo le grandi abbuffate del periodo natalizie sarebbe meglio restare un po’ più leggeri, potrete cuocerle in forno già caldo a 180 gradi per 20 minuti o addirittura al vapore in 10 minuti.

Frittata di carni bianche

Frittata di CarneIl Cappone è uno dei piatti tradizionali della cucina toscana che si preparano in famiglia per le Feste di  Natale.

Per recuperarne gli avanzi, anche di pollo, faraona o tacchino, potete tagliare a pezzi piccoli tutta la carne bianca avanzata, aggiungendo poi 2 uova già sbattute, 2 cucchiai di amido di mais, mezzo bicchiere di latte, un cucchiaio di olio, erba cipollina (o erbette a piacere).

Sbattete il tutto con una frusta fino ad ottenere un composto abbastanza liquido ed omogeneo.
Versatelo in una padella con olio ben caldo e dopo 3-4 minuti girate come se fosse una normale frittata, completando la cottura sull’ altro lato.

Dolce alla frutta secca

dolce alla frutta seccaLa frutta secca come noci, nocciole, mandorle e fichi secchi non mancano mai sulle tavole toscane per Natale o Capodanno!

Per recuperare la  frutta secca che avete in casa, contenendo le calorie e risparmiando tempo, ecco un consiglio di una ricetta per un dolce semplicissimo:  tritate grossolanamente la frutta secca e mescolate tutto insieme con 150 g di farina, 100 g di amido di mais, mezza bustina di lievito per dolci, 3 uova (o 1 bicchiere di latte di soia), 2 cucchiai di olio.

Mettete il composto in uno stampo per dolci foderato di carta forno e cuocete in forno già caldo a 180 gradi per 40 minuti. Aspettate poi che la torta si raffreddi un po’ prima di servirla.

Buon appetito!

Ed ora che non avete più pensieri per lo spreco, uscite e venite a godervi un weekend od un soggiorno rilassante in Toscana all’Hotel Certaldo…. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *